CALCIO: BATTINI, "CONTINUITA' IMPOSSIBILE NELLA SITUAZIONE ATTUALE"

Il Presidente Battini continua a tenere il Pisa in vendita al costo simbolico di un euro ma la situazione che più lo preoccupa è quella legata alle imminenti scadenze. Da qui un incontro col Sindaco Filippeschi e la stesura di un comunicato ( che riportiamo integralmente ) che mette nero su bianco una situazione difficile e una vera e propria richiesta di aiuto.

“Il Presidente dell’A.C. Pisa 1909 Carlo Battini si è incontrato in data odierna con il Sindaco Marco Filippeschi per fare il punto della situazione in vista dell’avvicinarsi delle scadenze improrogabili, necessarie per poter prendere parte alla prossima stagione agonistica.
Tale incontro arriva nel momento in cui possono, purtroppo, definirsi concluse o del tutto tramontate le trattative intavolate da oltre due mesi per la cessione, in toto o in parte, delle quote societarie. Tutto questo nonostante la società fosse in vendita al prezzo simbolico di 1 euro.
La mancanza di un’alternativa reale e concreta all’attuale proprietà, anche sotto forma di semplice acquisto di quote societarie, costringe oggi il Presidente Carlo Battini a chiedere al Sindaco un aiuto fattivo per poter dare una continuità al calcio pisano altrimenti impossibile nella situazione attuale.
Aiuto che oggi viene rivolto anche a tutte le forze economiche e sociali della città e della Provincia nonché agli Sponsors, fino ad oggi preziosi e fedeli partner.
Gli sforzi economici sostenuti fin dalla nascita dell’A.C. Pisa 1909, uniti al disastro sportivo-finanziario della stagione appena conclusa, impediscono di fatto all’attuale proprietà di proseguire nel progetto gestionale.
Il Presidente Carlo Battini farà il possibile per onorare le prossime scadenze ma, in conseguenza di quanto sopra esposto, non garantirà più il sostentamento della società.
La società, gravata da normali debiti di gestione, resta in vendita al prezzo simbolico di 1 euro: l’attuale proprietà si rende comunque disponibile a rimanere nella società con quote fino ad un massimo del 20%.
Il Sindaco di Pisa sarà il garante di qualsiasi operazione che dovrà svolgersi nella più totale trasparenza”

Nessun commento:

Posta un commento